ODCEC

News su Lavoro

RSS delle notizie Free del Quotidiano IPSOA pubblicate nell'area Lavoro
  1. Via libera alle domande di erogazione delle indennità una tantum per i lavoratori autonomi e i professionisti. Alla luce delle indicazioni fornite con la circolare n. 103 del 2022, INPS e Casse professionali hanno aperto le procedure telematiche. I soggetti aventi diritto hanno tempo fino al 30 novembre per presentare la domanda, che è unica sia per il bonus 200 euro che per quello, di importo pari a 150 euro, introdotto dal decreto Aiuti ter per i redditi più bassi. Le richieste saranno accolte fino a raggiungimento del limite delle risorse stanziate e in ordine cronologico di presentazione delle stesse. Come procedere correttamente?
  2. Nel messaggio n. 3498 del 2022 l’INPS interviene riguardo l’evento alluvionale che ha colpito la Regione Marche nei giorni del 15 e 16 settembre 2022. I datori di lavoro che hanno sospeso l’attività possono presentare le relative domande di CIGO per eventi oggettivamente non evitabili, applicando le specifiche regole e semplificazioni procedurali previste dalla legge in queste fattispecie.
  3. Nel messaggio n. 3499 del 2022 l’INPS si occupa della maggiorazione dell’1,2% applicabile all’esonero di 0,8 punti percentuali sulla quota dei contributi previdenziali per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti spettante ai lavoratori dipendenti il cui reddito mensile non supera il limite di 2.692 euro. Nel documento di prassi vengono fornite le istruzioni per l’espozione dello sgravio e il recupero di quello spettante per i periodi di paga già decorsi.
  4. Nella circolare n. 105 del 2022, l’INPS provvede a dettare le istruzioni operative per la gestione della sospensione dei termini relativi agli adempimenti e ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali per le federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva e le associazioni e le società sportive professionistiche e dilettantistiche.
  5. Può capitare, soprattutto in concomitanza all’avvicinarsi della fine della propria carriera lavorativa, che, da un attento esame dell’estratto conto INPS, ci si accorga dell’assenza errata di specifici periodi lavorati, o dell’indicazione di retribuzioni o redditi più bassi rispetto a quelli realmente conseguiti o, ancora, del mancato accredito di alcuni eventi coperti figurativamente. Cosa occorre fare nell’ipotesi in cui il lavoratore sia certo che il periodo mancante sia stato effettivamente lavorato e si rilevino, quindi, errori od omissioni nell’estratto conto contributivo? Le azioni da intraprendere risultano differenti, in base alla problematica riscontrata.