ODCEC

News su Lavoro

RSS delle notizie Free del Quotidiano IPSOA pubblicate nell'area Lavoro
  1. La questione giuridica della responsabilità dei datori di lavoro, pubblici e privati, per il contagio da Covid-19 ha il pregio di aver rinnovato l’esigenza di una riflessione ben più ampia su una problematica già insita da tempo nel nostro ordinamento. Emerge la necessità di confini certi per la responsabilità datoriale con il ricorso a tecniche regolatorie nuove, a un sistema chiaro di prevenzione e di governance (possibilmente pubblico-privato) del rischio imprenditoriale, definito di concerto con l’istituzione pubblica e con il coinvolgimento dei lavoratori. Di questo tema ha solo iniziato ad occuparsi il decreto Liquidità. Ma è urgente estendere la riflessione. Secondo quali direttrici?
  2. E’ articolata e piuttosto lunga la procedura predisposta dall’INPS per la presentazione delle domande di anticipazione dei trattamenti di integrazione salariale introdotti dalla disciplina emergenziale Covid-19. In particolare, il servizio telematico reso disponibile dall’Istituto si differenzia a seconda che si tratti di assegno ordinario, Cig ordinaria o in deroga e si compone sempre di due fasi, entrambe indispensabili per completare con successo la procedura di richiesta. Il datore di lavoro che presenta l’istanza deve porre particolare attenzione alla conferma definitiva della domanda e al calcolo delle settimane di intervento per cui viene postulata l’erogazione anticipata del 40% delle somme spettanti ai propri lavoratori dipendenti.
  3. La Corte Costituzionale ha ritenuto che sia irragionevole, in caso di insussistenza del fatto, la disparità di trattamento tra il licenziamento economico e quello per giusta causa: in quest’ultima ipotesi è previsto l’obbligo della reintegra mentre nell’altra è lasciata alla discrezionalità del giudice la scelta tra la stessa reintegra e la corresponsione di un’indennità. Pertanto ha dichiarato l’illegittimità costituzionale sull’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori nella parte in cui prevede la facoltà e non il dovere del giudice di reintegrare il lavoratore arbitrariamente licenziato in mancanza di giustificato motivo oggettivo.
  4. Intervenire sulle politiche attive, semplificare regole e istituti del lavoro con nuovi modelli organizzativi, ridisegnare l’architettura attuale degli ammortizzatori sociali e riformare concretamente le pensioni: questa l’agenda per la crescita del Paese e per la ripartenza del mercato del lavoro, suggerita dai Consulenti del Lavoro in un documento presentato il 26 febbraio 2021 dalla Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine, Marina Calderone, nell’incontro con il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando.
  5. Con il messaggio n. 832 del 2021, l’INPS interviene riguardo l’esonero per assunzioni/trasformazioni a tempo indeterminato introdotto dal decreto Agosto. L’ incentivo IREC è stato applicato fino al 31 dicembre 2021. L’Istituto specifica le modalità di recupero nella denuncia contributiva Uniemens del beneficio arretrato che può essere esposto a conguaglio con il codice causale 537.