ODCEC

News su Impresa

RSS delle notizie Free del Quotidiano IPSOA pubblicate nell'area Impresa
  1. La Fondazione Accademia di Ragioneria ha pubblicato la Nota Operativa n. 3/2023 avente ad oggetto: “Ruolo, funzioni e responsabilità dell’organo di amministrazione e controllo nella prevenzione della crisi d’impresa e dell’insolvenza”. L’imprenditore ha il dovere di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa che gestisce anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi d’impresa e della perdita della continuità aziendale attivandosi, senza indugio, all’adozione e all’attuazione di uno degli strumenti previsti dall’ordinamento per il superamento della crisi e il recupero della continuità aziendale.
  2. La pianificazione aziendale è diventata obbligatoria per legge. I piani aziendali rappresentano un momento di coinvolgimento complessivo dell’organizzazione, che poi è uno dei presupposti fondamentali per la sua utilità e servono a coagulare i consensi dei soggetti il cui appoggio è necessario per l’ottenimento di quei risultati: finanziatori, ma anche clienti, fornitori e dipendenti. Ma è più opportuno presentare piani diversi per scenari diversi, oppure un piano centrato sullo scenario più probabile? Dal punto di vista amministrativo ci deve essere indubbiamente un piano ufficiale, approvato dall’alta direzione, fondamento delle valutazioni e delle azioni future. Sotto il profilo gestionale, le aziende devono necessariamente sviluppare piani alternativi, per scenari diversi, perchè gli shock macroeconomici sono sempre più frequenti.
  3. Pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale tre delibere del 24 novembre 2022 dell’Autorità per le Garanzia nelle telecomunicazioni che stabiliscono rispettivamente misura e modalità di versamento del contributo dovuto all'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni per l'anno 2023 dai soggetti che operano che operano nel settore del diritto d'autore e diritti connessi nel mercato unico digitale, dei servizi di intermediazione on-line e dei motori di ricerca on-line e dai fornitori di servizi di piattaforma per la condivisione di video. Il versamento dei contributi deve essere eseguiti entro il 1° marzo 2023, sul conto corrente bancario intestato all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Sempre entro il 1° marzo 2023 i soggetti sono inoltre tenuti a dichiarare all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni i dati anagrafici ed economici strumentali alla determinazione del contributo.
  4. Il Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, di concerto con il Ministro delle Imprese e del “Made in Italy”, ha predisposto uno schema di decreto che, in coerenza con la “Strategia nazionale per l’Economia circolare”, introduce alcune importanti novità per la filiera dei prodotti tessili di abbigliamento, calzature, accessori, pelletteria e tessili per la casa. Tra gli obiettivi centrali del decreto c’è la sostenibilità del prodotto, nonché “una progettazione degli stessi e dei loro componenti volta a ridurre gli impatti ambientali e la generazione dei rifiuti”. Sul testo è stata avviata una consultazione degli stakeholder principali, che terminerà il 3 marzo.
  5. Pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale tre delibere del 24 novembre 2022 dell’Autorità per le Garanzia nelle telecomunicazioni che stabiliscono rispettivamente misura e modalità di versamento del contributo dovuto all'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni per l'anno 2023 dai soggetti che operano nel settore dei servizi postali, nel settore delle comunicazioni elettroniche e nel settore dei servizi media. Il versamento dei contributi deve essere eseguiti entro il 1° marzo 2023, sul conto corrente bancario intestato all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Sempre entro il 1° marzo 2023 i soggetti sono inoltre tenuti a dichiarare all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni i dati anagrafici ed economici strumentali alla determinazione del contributo.