Corso di diritto fallimentare

Scritto da AGOSTINO BARBATI on .

Il corso si articolerà in 6 giornate della durata di 4 ore in cui verranno illustrate le varie fasi della procedura fallimentare.

Date : 10 – 16 – 24 – 31 Marzo   9.30 - 13.30

           07 – 14 Aprile                       9.30 – 13 .30

Relatrice: Dott.ssa Antonella Benedetto (Curatore fallimentare presso il Tribunale di Salerno).

E’ inoltre prevista la partecipazione del Giudice delegato ai Fallimenti del Tribunale di Avezzano Dott.ssa Lauro Caterina.

Per motivi organizzativi è necessario prenotarsi entro e non oltre il 26/02/2016 al seguente indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.    allegando la scheda di partecipazione debitamente compilata e la copia del bonifico bancario, non si accetteranno forme di prenotazione diverse da quella indicata.

La partecipazione al corso darà diritto al riconoscimento di 24 crediti formativi validi ai fini della Formazione Professionale continua.

 

l'ODCEC di Avezzano alla Corte Costituzionale contro la soppressione del Tribunale di Avezzano

Scritto da AGOSTINO BARBATI on .

Oggi il nostro Ordine (senza oneri a carico degli iscritti) si è costituito a fianco dei Consigli regionali proponenti il referendum per l'abrogazione della norma che ha soppresso, tra l'altro, il Tribunale di Avezzano, partecipando anche all'udienza tenutasi questa mattina presso la Corte Costituzionale.

1

 

Purtroppo, come era prevedibile, è appena stato emesso il seguente comunicato:

(ANSA) - ROMA, 14 GEN - I referendum sulla riforma della geografia giudiziaria sono inammissibili. Lo ha deciso - a quanto si apprende - la Corte Costituzionale. I tre quesiti referendari erano stati promossi da cinque consigli regionali: Basilicata, Puglia, Sicilia, Abruzzo e Campania. E puntavano all'abrogazione delle misure che hanno disposto la soppressione di 30 tribunali ordinari e corrispondenti procure. Analoga iniziativa, avviata dalle stesse 5 Regioni nel 2013, era già stata dichiarata non ammissibile